Sei in: Offerte > Il Magnifico nord della Spagna - Self Drive

Il Magnifico nord della Spagna - Self Drive

Dove: Spagna

Durata: 15 giorni / 14 notti

Trattamento: Pernottamento e Prima Colazione

Partecipanti: minimo 2

Partenze: dal 01/03/2022 al 17/10/2022

A partire da 1.570,00 €

Self Drive del Nord della Spagna, itinerario completo di 15 giorni percorrendo le strade del meraviglioso Nord con partenza da Bilbao fino ad raggiungere la La Coruña e Santiago. Paesaggi variegati, culture, tradizioni e gastronomia locale non presenti in altre regioni della Spagna

Tour LIBERO con noleggio auto incluso nel prezzo
Validità: dal 01 Marzo al 31 Ottobre 2022

1° GIORNO - ITALIA / BILBAO
Arrivo all'aeroporto di Bilbao e ritiro dell'auto noleggiata per il trasferimento in albergo. Bilbao è una città a cui i grandi progetti architettonici e infrastrutturali degli ultimi anni hanno dato una forte spinta verso il rinnovamento urbanistico ed economico, andandosi a fondere armoniosamente con l'antico già esistente. Il meraviglioso museo Guggenheim dell'architetto Frank Gehry ne è stato il traino iniziale, divenendo il vero e proprio simbolo della città. Il Museo è una spettacolare costruzione ricoperta da pannelli di titanio che condivide con New York e Venezia la più numerosa e importante collezione privata di arte moderna e contemporanea del mondo. Girando per Bilbao vi troverete quindi immersi tra il presente, rappresentato dallo stesso Guggenheim, dal Palazzo dei Congressi e della Musica, dalla metropolitana progettata da Norman Foster e dall'aeroporto di Calatrava; ed il passato con l'antico centro storico (Casco Viejo) risalente a più di 700 anni fa; la cattedrale Gotica, la basilica di Begoña, il teatro Arriaga ed il Mercato della Ribera.
Bilbao vanta anche una interessantissima offerta culturale con due delle migliori pinacoteche di Spagna, numerosi musei tematici, e una programmazione di eventi continua che va dall’opera al teatro, dalla danza al cinema, dalla musica leggera al pop e al rock. A Bilbao la gastronomia è un’arte e vanta rinomati ristoranti che propongono piatti tradizionali insieme alle creazioni culinarie più innovative. Da non mancare l’assaggio dei tradizionali “Pintxos” e del baccalà, preparato secondo innumerevoli e gustose ricette.
Pernottamento presso l’Occidental Bilbao (o similare).

2° GIORNO – BILBAO / SAN SEBASTIAN / BILBAO (circa 200 km)
Colazione in albergo. Partenza per San Sebastian, splendida città in stile Belle Epoque, chiamata la "Perla dell'Oceano" dei paesi baschi spagnoli e ubicata in una posizione privilegiata su una baia di sabbia bianca. In virtù della fama internazionale acquisita come stazione balneare nel XIX secolo, che l'ha vista trasformarsi con grandi boulevard, ristoranti e caffè alla moda è, ad oggi, considerata una delle località balneari spagnole più eleganti. Godetevi il panorama che si vede dal castello sul monte Urgull e dal più lontano monte Igueldo; non perdete assolutamente una sosta nella famosa "Playa de la Concha" e passeggiate tranquillamente nella parte vecchia, caratterizzata da un dedalo di viuzze molto animate, dove poter visitare le chiese di San Vicente (Gotica) e di Santa María del Coro (Rinascimentale/Barocca).
Alcuni dei ristoranti spagnoli più rinomati si trovano a San Sebastián e qui vengono proposte ricette elaborate con i prodotti locali della terra e del mare da accompagnare sempre con “Txakolí” (vino locale dal gusto leggero e aspro). Rientro a Bilbao per il pernottamento presso l’Occidental Bilbao (o similare).

3° GIORNO - BILBAO / CASTRO URDIALES / SANTANDER (circa 100 km)
Colazione in albergo. Partenza per Castro Urdiales tipico borgo marinaro dalle consolidate tradizioni le cui magnifiche spiagge l’hanno trasformato in un’ambita e ricercata meta turistica. Interessante la visita del centro storico con le caratteristiche case adornate da ballatoi in legno; ed alcuni monumenti di diversi stili ed epoche come la chiesa di Santa María, la più significativa testimonianza dello stile gotico della Cantabria; ed il Castello di Santa Ana. Nelle vicinanze si trovano anche importanti testimonianze di arte rupestre del Paleolitico Superiore, nella grotta della Peña del Cuco, con riproduzione di cervi, cavalli e capre. Proseguimento per Santander, elegante città affacciata su una stupenda baia sul mare Cantabrico. Il centro storico, formato da antichi palazzi, è un magnifico scenario naturale incastonato tra il mare e le montagne. Tra le principali attrazioni turistiche segnaliamo la spiaggia del Sardinero, uno dei litorali più belli di Spagna con sontuosi edifici come il Gran Casinò, che evoca l’architettura della Belle Epoque; Il Paseo de Pereda, con le sue tipiche case con terrazze e bei giardini; la Cattedrale, uno degli edifici più antichi della città; la Plaza Porticada, la Casa-Museo di Menéndez Pelayo, edificio dichiarato Complesso Storico-Artistico; ed il Museo Marittimo del Cantabrico, uno dei più completi in Spagna dedicato al Mar Cantabrico. A Santander la gastronomia è ricca e rappresentata da una commistione di ingredienti. Dal mare provengono le caratteristiche “Rabas” (calamari fritti), i “Bocartes rebozados” (acciughe) e i crostacei. Dall’entroterra arrivano invece ottime carni bovine e un piatto tipico di tutta la regione il “Cocido Montañés” (zuppa di fagioli, carne e verza). Pernottamento presso il Silken Coliseum (o similare).

4° GIORNO – SANTANDER / TORRELAVEGA / SANTILLANA DEL MAR / COMILLAS / SANTANDER (circa 105 KM)
Colazione in albergo. Tappa odierna dedicata alla visita dei dintorni di Santander. Vi consigliamo di iniziare con una sosta a Torrelavega, seconda città della Cantabria in ordine di grandezza, che spicca per il suo ambiente naturale. All’interno del suo patrimonio storico-artistico risalta il complesso monumentale di Viérnoles, con palazzi e case nobiliari dei secoli dal XVII al XIX. A pochi minuti si trova l’incantevole costa di Suances con le sue spiagge. Vi consigliamo di assaggiare le “Polkas” un dolce tipico locale. Proseguimento per Santillana del Mar, una deliziosa città medievale sorta attorno alla Chiesa Collegiata di Santa Giuliana che la rendono uno dei complessi storici più importanti della Cantabria. Numerosi altri punti di interesse fanno di Santillana del Mar una tappa imprescindibile e tra questi ricordiamo la Calle Santo Domingo, le torri di Merino e di Don Borja, la Casa dell’Águila, la Parra e il palazzo dei Barreda-Bracho. Se volete scoprirne la gastronomia vi segnaliamo il “Cocido Lebaniego” ed il “Cocido Montañés” (zuppe di legumi con carne e verza); i saporiti formaggi prodotti in tutta la provincia; il “Bizcocho” (pan di Spagna) e i “Sobaos Pasiegos” (tranci a base di burro, farina e uova). Nelle sue vicinanze si trovano le Grotte di Altamira, considerate la “Cappella Sistina dell’Arte Paleolitica”, che contengono alcuni dei dipinti rupestri più importanti dell’arte quaternaria. A seguire Comillas, dichiarata complesso storico-artistico. Sulle sue strade lastricate di pietra e sulle sue piazzette si affacciano dimore nobiliari, torri ed edifici in stile modernista. Tra le interessanti cose da visitare spicca su tutto il notevole "El Capricho", un’opera di Antonio Gaudí del XIX secolo in cui lo stile modernista risalta producendo un effetto assolutamente innovativo. L’edificio consta di elementi arabeggianti che incontrano il neogotico su cui domina la torre cilindrica decorata da girasoli di ceramica. Meritano particolare attenzione anche le vetrate, che raffigurano soggetti legati alla musica e alla natura (animali che suonano diversi strumenti). Da non perdere poi la visita del Palazzo di Sobrellano, edificio in stile neo-gotico; e dell'Università Pontificia. Comillas però è soprattutto una località balneare e possiede spiagge di sabbia fine, ideali per praticare diversi sport acquatici. Nei pressi si trova il Parco Naturale di Oyambre, un’ampia zona costiera con dune, scogliere, lagune e un estuario, di enorme importanza dal punto di vista ornitologico. Rientro a Santander per il pernottamento presso il Silken Coliseum (o similare).

5° GIORNO – SANTANDER / SAN VICENTE DE LA BARQUERA / POTES / SANTO TORIBIO / FUENTE DE’ (circa 135 km)
Colazione in albergo. Partenza per San Vicente de la Barquera, antico villaggio di pescatori con una delle vedute più pittoresche della regione cantabrica: le spiagge, la città vecchia e lo splendido sfondo delle cime innevate dei Picos de Europa. Da visitare la chiesa di Santa María de los Ángeles, il castello del Re e i numerosi ponti come quello della Maza o quello del Parral. Il legame con il mare si nota anche nella sua gastronomia, che comprende pesce e frutti di mare eccellenti, che vengono esaltati nel “Sorropotún” o “Marmita Barquereña” (stufato a base di pesce e patate). Proseguimento, lasciando la costa, in direzione del Parco Nazionale de Los Picos de Europa con tappa a Potes, considerato uno dei paesi più affascinanti della Cantabria, situato in una zona circondata da montagne e fiumi ed il cui centro storico è stato dichiarato Bene di Interesse Culturale. Contribuiscono al fascino di questo luogo gli antichi ponti di San Cayetano e della Cárcel e la Torre medievale del Infantado. Il nostro consiglio è quello di passeggiare tranquillamente per le sue stradine acciottolate e provare anche qualche piatto tipico di questa regione come il lesso di Liébana, magari concludendo il pasto con un “Orujo” (acquavite di vinaccia). Di seguito Santo Toribio per la visita al suo famoso monastero, un luogo sacro per i cristiani che ospita il “Lignum Crucis”, il più grande pezzo di legno conservato della croce di Gesù. Arrivo infine a Fuente Dè, a circa 1100 metri di altezza sul livello del mare, circondato per metà da pareti rocciose, che fa parte del Parco nazionale dei Picos de Europa. Pernottamento presso il Parador de Fuente dè (o similare).

6° GIORNO – FUENTE DE’ / PARCO NAZIONALE DE LOS PICOS DE EUROPA / FUENTE DE’ (circa 60 km)
Colazione in hotel. Giornata da dedicare alla scoperta del Parco Nazionale de Los Picos de Europa, un parco di quasi 65.000 ettari facente parte della Cordigliera Cantabrica. Vi troverete immersi in un paradiso naturale che risalta per l'altezza delle cime, tra le più alte in Spagna; e la singolare posizione, ad appena 15 chilometri dal mare. Le bellezze paesaggistiche, la ricca flora e la fauna che accoglie numerose specie protette come l'orso bruno ed il camoscio; hanno permesso al parco di ottenere il titolo di riserva della Biosfera da parte dell’UNESCO. Il nome, che si può tradurre come "Picchi d'Europa" deriva dal fatto che si trattava delle prime montagne visibili per le navi che arrivavano dall'America. Da Fuente Dè è possibile prendere una funivia che vi porterà ad un'altezza di circa 1.823 metri sul livello del mare dove potrete ammirare panorami mozzafiato. Ritorno a Fuente Dè per il pernottamento presso il Parador de Fuente dè (o similare).

7° GIORNO - FUENTE DE’ / LLANES / RIBADESELLA / ARRIONDAS / CANGAS DE ONIS (circa 145 km)
Colazione in hotel. Partenza di nuovo in direzione della costa alla volta di Llanes, città storica il cui centro è stato dichiarato patrimonio storico artistico che presenta esempi di architettura civile, religiosa e militare. Gli amanti della natura possono godere delle numerose e bellissime spiagge presenti o passeggiare lungo la Calle San Pedro che rappresenta un vero e proprio belvedere sulla città e sul mare Cantabrico. Proseguimento per Ribadesella che offre al visitatore l’unione di urbanismo medievale e architettura modernista e l’interessante grotta di Tito Bustillo, un gioiello dell'arte rupestre europea che colpisce per le sue stalattiti e per le pitture custodite all’interno. Penultima tappa consigliata, lasciando di nuovo la costa ed addentrandosi nell’entroterra, prima dell’arrivo a Cangas de Onis, è Arriondas, situata in un’ampia valle racchiusa tra le montagne con insediamenti preistorici ed un patrimonio monumentale, composto da varie chiese, palazzi, mulini e ville con secoli di storia alle spalle. Se il tempo a disposizione ve lo permette, prima che tramonti il sole, salite fino al Belvedere del Fitu e godrete di uno stupefacente panorama del Mar Cantabrico e del Parco Nazionale de los Picos de Europa. Arrivo a Cangas de Onis, nella valle formata dai fiumi Sella e Güeña, il cui elemento più rappresentativo è il Ponte romano, dichiarato Monumento Storico Artistico. Pernottamento presso il Parador Nacional (o similare).

8° GIORNO – CANGAS DE ONIS / COVADONGA / GIJON (circa 100 km)
Colazione in albergo e piccola deviazione del percorso per effettuare la visita di Covadonga, prima di proseguire per Gijon. Covadonga ha una grande importanza storica poiché è il luogo da cui partì la “reconquista” da parte del Re Pelayo. Rappresenta un luogo di culto e di pellegrinaggio per tutti gli abitanti delle Asturie per la presenza della basilica, un edificio in stile neoromanico con due alte torri che fiancheggiano la facciata principale; e della grotta dove viene venerata l’immagine della Santina e a cui si accede attraverso un'imponente scalinata. Dalla grotta sgorga una cascata e ai suoi piedi si trova una fontana con sette cannelle. Sull’altare, un pannello in oro rappresenta la battaglia di Covadonga. Proseguimento per Gijon, città che rappresenta una bella sintesi di sapore marinaro, patrimonio monumentale e struttura urbanistica moderna. Nelle sue strade, fra la spiaggia di San Lorenzo e il molo sportivo, s'incrociano resti romani, palazzetti ed antiche abitazioni di pescatori ed nel suo centro storico spiccano la fortezza di Santa Catalina ed il quartiere di Cimadevilla. Notevole e ricca la proposta gastronomica che offre piatti tipici come la “Fabada” (minestra di legumi), il “Pote Asturiano” (zuppa tipica della zona) o il merluzzo con “Cocochas” a cui unire sempre, come accompagnamento, un bicchiere di Sidro (bevanda alcolica a bassa gradazione, elaborata con succo di mele). Pernottamento presso l’Hotel AC Gijon by Marriot (o similare).

9° GIORNO – GIJON / OVIEDO (30 KM)
Colazione in albergo. Partenza per Oviedo, splendida cittadina con un centro storico pedonale di chiaro sapore medievale. Numerosi i punti di interesse storico e culturale che la città offre; tra questi consigliamo le visite alla Cattedrale, al palazzo del Marqués de San Félix, al Palacio de Camposagrado, alle chiese pre-romaniche di Santa Maria del Naranco e San Miguel de Lillo, al Teatro Campoamor, dove ogni anno si celebra la consegna dei premi del Principe delle Asturie; e all'Università. Oviedo possiede anche monumenti dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall’UNESCO come la Camera Santa, la Foncalada e la piazza di Trascorrales. Per conoscere ancora più a fondo la città non si può ovviamente prescindere dalla sua gastronomia che propone i famosi formaggi di Cabrales, il “Pixin” o la carne “gobernada” (stufata). Pernottamento presso l’Hotel Ciudad de Oviedo (o similare).

10° GIORNO – OVIEDO / AVILES / RIBADEO / LA CORUÑA (circa 290 km)
Colazione in albergo. Tappa lunga e giornata di trasferimento verso la Galizia. Lungo il percorso consigliamo la sosta ad Aviles, terza città più importante del Principato delle Asturie il cui centro storico ospita autentici gioielli di architettura civile e religiosa. Successivamente Ribadeo, il naturale punto di collegamento del territorio galiziano con le terre asturiane; città dall’aspetto signorile che ospita tesori come l’emblematico Pazo, di stile modernista e la spiaggia di As Catedrais, una delle più belle della costa galiziana. Arrivo a La Coruña, città dagli splendidi panorami la cui storia è strettamente legata all'antico porto che offre un interessante complesso di strade, piazze e chiese medievali. Pernottamento l’Hotel Eurostars (o similare).

11° GIORNO – LA CORUÑA / RIAS ALTAS / LA CORUÑA (circa 200 km)
Colazione in albergo. Mattinata da dedicare alla visita di La Coruña che può iniziare dalla Torre de Hércules, l’unico faro romano in funzionamento e autentico emblema della città; proseguendo poi con la Cattedrale gotica e la Collegiata Romanica di Santa Maria del Campo. Davanti al porto si possono ammirare le tipiche case con le loro vetrate dipinte di bianco, che le sono valse l’appellativo di “Ciudad Cristal” (Città di vetro).
La gastronomia di La Coruña propone il meglio dei prodotti della costa e dell’entroterra. Sono da assaggiare squisiti piatti a base di pesce, come la “Caldeirada” di rana pescatrice, il merluzzo alla galiziana (con cipolla, aglio e carota) o l’empanada (torta salata) che può essere farcita sia di pesce e frutti di mare che di carne. Tutti questi piatti possono essere accompagnati da uno degli eccellenti vini galiziani. Nel pomeriggio potrebbe essere possibile effettuare una escursione alle Rias Altas, strette e lunghe insenature affacciate sull'oceano che offrono splendidi paesaggi e tra cui segnaliamo Viveiro, Ortigueira e Cedeira.
Pernottamento l’Hotel Eurostars (o similare).

12° GIORNO - LA CORUÑA / CABO FISTERRA / SANTIAGO DE COMPOSTELA (circa 190 km)
Colazione in albergo. Lasciando La Coruña in direzione di Santiago de Compostela e facendo una deviazione importante, una delle tappe obbligate è quella al Cabo Fisterra, nome derivato dal latino “Finis Terrae” cioè "fine della terra", un promontorio formato da rocce in granito che si erge per 600 metri sull’Oceano Atlantico e rappresenta il punto d’arrivo del Cammino di Santiago. La tradizione, tramandata nei secoli dagli antichi pellegrini medievali, vuole che dopo aver raggiunto la città di Santiago ed aver pregato sulla tomba del santo apostolo di Gesù; dopo essersi purificati con il bagno nelle gelide acque dell'Oceano Atlantico e dopo aver bruciato i vestiti indossati durante il cammino si debba assistere al tramonto. Arrivo a Santiago de Compostela e sistemazione in albergo per il pernottamento presso l’Hotel Compostela (o similare).

13° GIORNO – SANTIAGO DE COMPOSTELA
Colazione in albergo. Giornata da dedicare alla visita di Santiago de Compostela, città che deve il suo nome all’Apostolo Santiago, del quale vennero qui rinvenuti i resti nel secolo IX. La città accoglie ogni anno migliaia di persone da tutto il mondo che qui giungono al termine del famoso cammino di pellegrinaggio, nato nel secolo IX e che da allora collega questa città al resto dell’Europa. Santiago, vanta un centro storico dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO ed una ricchissima offerta monumentale. Visite obbligate ai tanti palazzi, chiese, vicoli e piazze del centro storico che invitano ad una piacevole passeggiata. Fra tutti ricordiamo la cattedrale, eretta nel luogo del ritrovamento, con la maestosa facciata che si staglia sulla Plaza dell’Obradoiro. Visitandola è impossibile non ammirare il Portico della Gloria, l'Altare Maggiore, la cripta, la vista magnifica dai suoi tetti ed il “Botafumeiro”, un enorme incensiere che oscilla soltanto in alcuni giorni festivi o su richiesta. Da non mancare poi la visita al Palazzo di Raxoi ed al lussuoso Hostal de los Reyes Católicos, del quale si dice sia l'hotel più antico al mondo. Anche a Santiago de Compostela la proposta artistica va di pari passo con quella gastronomica, e nel cuore del centro storico troverete un’ampia scelta di bar e ristoranti che propongono piatti e prodotti tipici tra cui non sono da mancare assolutamente i “Pimientos del Padròn”, i “Percebes” e quello che è forse il più famoso di tutti: il “Pulpo a Feira”. pernottamento presso l’Hotel Compostela (o similare).

14° GIORNO - SANTIAGO DE COMPOSTELA / PONTEVEDRA / RIAS BAIXAS / SANTIAGO DE COMPOSTELA (circa 300 km)
Colazione in hotel. Giornata da dedicare alla scoperta dei dintorni di Santiago de Compostela. Partendo presto la mattina avrete la possibilità, lungo il tragitto, di visitare località interessanti come Muros e Arousa, prima di raggiungere Pontevedra, città che vanta una lunga tradizione marittima e mercantile e conserva uno dei centri storici più importanti ed eleganti della Galizia. Se arrivate per l’ora del pranzo, l’occasione sarà ottima per provare la varia offerta gastronomica della zona che vanta specialità con pesce fresco, frutti di mare e “xoubas” (sardine), bagnando il tutto con un vino locale. Nel pomeriggio il consiglio è quello di effettuare una escursione nelle Rias Baixas, il bellissimo litorale di Pontevedra, animate da piccoli borghi marinari e paesini pieni di fascino tra cui spiccano: l’isola di A Toxa, O Grove e Vilagarcía de Arousa. Rientro a Santiago de Compostela per il pernottamento presso l’Hotel Compostela (o similare).

15° GIORNO - SANTIAGO DE COMPOSTELA / ITALIA
Colazione in albergo. Partenza per l'aeroporto di Santiago de Compostela. Arrivo e rilascio dell'auto noleggiata. Partenza con il volo di rientro in Italia.

 

14 pernottamenti nelle strutture indicate con prima colazione, 15 giorni di noleggio auto Gruppo A MCMR (Fiat 500 o similare) con Hertz, Km Illimitati e CDW (drop-off circa 90 euro + tasse da pagare in loco)

Il volo, le tasse aeroportuali, spese apertura pratica e assicurazione medico/bagaglio/annullamento, eventuale supplemento per noleggio auto di categoria superiore, pasti e bevande non menzionati nel programma, pedaggi autostradali, carburante, mance ed extra personali, quanto non espressamente indicato nella quota comprende.

I prezzi sono soggetti a riconferma

Natale a Kuhmo

Natale a Kuhmo - Finlandia

da 1.445,00 €

Wellness Yoga e Camminate

Wellness Yoga e Camminate - Finlandia

da 1.220,00 €

Castiglia di charme - Self Drive

Castiglia di charme - Self Drive - Spagna

da 900,00 €

Week end Tratturi e Tartufi

Week end Tratturi e Tartufi - Italia

da 480,00 €

Weekend di Lusso a Lisbona

Weekend di Lusso a Lisbona - Portogallo

da 1.569,00 €

numero-verde-big.png

IL MIO EASYWEEK

Password Dimenticata?

Se non sei registrato clicca qui